Print
Category: Europa, USA etc....

21 mar 2015

Il premier israeliano, fresco di vittoria elettorale, riceverà a fine mese colui che considera il vero presidente degli Stati Uniti d’America, lo speaker della Camera John Boehner, suo stretto alleato. Proprio nel giorno in cui l’Amministazione Usa potrebbe raggiungere l’accordo con Tehran sul nucleare iraniano tanto contestato da Netanyahu. Intanto l’Ue in un rapporto condanna duramente la politica di Israele a Gerusalemme

 – Il Manifesto

Gerusalemme, 21 marzo 2015, Nena News – Benyamin Netanyahu va avanti a zig zag e tra il tira e molla sullo Stato di Palestina e le dichiarazioni d’amore per gli Stati Uniti fatte l’altra sera, ha dato un altro schiaffone a Barack Obama che pure, anche se con un paio di giorni di ritardo, si era congratulato con lui per la vittoria elettorale. A fine mese il premier israeliano, riconfermato a furor di popolo il 17 marzo, si prepara a ricevere con tutti gli onori colui che considera il vero presidente degli Stati Uniti d’America: lo speaker della Camera John Boehner, accompagnato da un nutrito gruppo di membri del Congresso. Una visita che si svolgerà, “casualmente”, nelle stesse ore in cui scadrà la deadline, 31 marzo, per il raggiungimento di un accordo sul programma nucleare iraniano tra i Paesi membri del Consiglio di sicurezza dell’Onu, più la Germania, e Tehran. L’intesa appare vicina – il negoziato ieri è stato sospeso per qualche giorno per consentire ai delegati iraniani di partecipare ai funerali della madre del presidente, Hassan Rohani – e in caso di firma di un accordo, Boehner potrebbe, proprio da Gerusalemme, confermare l’intenzione di non rispettarlo annunciata dai Repubblicani nella lettera inviata un paio di settimane fa all’Iran.

 

A dare una mano al piano messo a punto da Netanyahu e Boehner per sabotare il compromesso con Tehran, sono giunte le dichiarazioni, dell’ex comandante militare ed ex capo della Cia David Petraeus, che nel 2007 e 2008 ha guidato le forze Usa in Iraq, secondo il quale la principale minaccia per la stabilità dell’Iraq e della regione non sarebbe lo Stato Islamico (!) ma le milizie sciite, a suo dire, sostenute dall’Iran. Insomma, Tehran è il “male assoluto” da combattere, proprio come va ripetendo Netanyahu. Nel frattempo mentre la destra americana si scatena contro Obama, accusandolo di aver commesso un «tragico errore» a non aver salutato con gioia la vittoria elettorale di Netanyahu e ad aver messo il premier israeliano nell’angolo per le dichiarazioni di rifiuto della soluzione dei 2 Stati (Israele e Palestina), Tel Aviv fa sapere che non si attende alcun cambiamento nei rapporti militari e strategici con Washington, quelli che davvero contano. Amos Gilad, responsabile per gli affari strategici del ministero della difesa, ha detto ieri che le relazioni in quell’ambito rimarranno «intense», nonostante lo scontro tra Netanyahu e Obama. Rispetto a una possibile revoca da parte degli Stati Uniti dell’opposizione al riconoscimento dello Stato di Palestina al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, Gilad si è mostrato scettico. «Aspettiano di capire cosa (l’Amministrazione) intenda fare», ha commentato lapidario. D’altronde oltre alle schermaglie verbali per Netanyahu motivi concreti di preoccupazione ce ne sono pochi, visto che lo stesso Obama, nella telefonata dell’altra sera, ha sottolineato l’importanza che gli Usa attribuiscono alla cooperazione con Israele nei settori militare, intelligence e sicurezza.

Netanyahu piuttosto non si fida dell’Europa. Un rapporto redatto dai capi delle missioni a Gerusalemme dei Paesi dell’Ue, molto critico verso la politica israeliana e pubblicato dal quotidiano britannico Guardian, denuncia che nel 2014 la crisi nella Città Santa e in particolare nella sua parte araba sotto occupazione, ha raggiunto un livello che ricorda gli anni della Intifada e minaccia la realizzazione dei 2 Stati. Adesso a Bruxelles, aggiunge il giornale, si starebbero discutendo misure punitive verso Israele. Diciannove persone – quasi tutte palestinesi – sono state uccise, sottolinea il rapporto. Gli arresti di palestinesi sono stati 1300; il 40%, viene precisato, erano minorenni. Questa conflittualità vede le sue radici nell’espansione delle colonie ebraiche costruite illegalmente da Israele nella Gerusalemme palestinese. Proprio da Har Homa, una colonia ebraica molto importante, Netanyahu qualche giorno ha promesso che rafforzerà la colonizzazione a Gerusalemme Est, costruendo migliaia di nuovi alloggi per ebrei. La crescita sistematica delle attività di colonizzazione è indicata dal rapporto come una delle cause della fiammata di violenze e fa temere che la spartizione della città fra israeliani e palestinesi – nel contesto di possibili accordi di pace – sia sempre più difficile. Sono citate anche le tensioni sulla Spianata della moschea di Al Aqsa. «Quasi ogni giorno – denuncia il rapporto – coloni e attivisti nazional-religiosi vi entrano, scortati dalla polizia israeliana». Secondo il Guardian la frustrazione dei vertici europei è elevata. Fra le misure punitive ora all’esame di Bruxelles vi sono: restrizioni negli spostamenti in Europa di coloni israeliani notoriamente violenti; blocco dei prodotti provenienti dalle colonie e la segnalazione ad uomini d’affari ed operatori turistici europei dei rischi connessi ad attività legate alle colonie. Nena News

© Copyright 2013, Nena News All Rights Reserved | Testata giornalistica registrata al Tribunale di Roma n.98/2011 – sede operativa: Via Iglesias 13, 00182 Roma

 

http://nena-news.it/altro-schiaffo-di-netanyahu-a-barack-obama/